Feeds:
Articoli
Commenti

Prevalenza di caratteristiche malocclusione dentale statiche e dinamiche in sottogruppi di pazienti con disturbi temporo-mandibolari: Implicazioni per l’epidemiologia dell’associazione TMD-occlusione.

Picture2

Occlusione dentale e Disfunzione ATM

Obiettivo: L’ipotesi che le malocclusioni dentali possono essere un fattore di rischio per disordini temporomandibolari (TMD) è stata fortemente dibattuta in letteratura. Mentre l’associazione tra caratteristiche di occlusione dentale e TMD è stato dimostrato debole, se esistente, sembra che il trasferimento di tali conoscenze nella pratica clinica deve ancora essere completato. Lo studio ha valutato la prevalenza di malocclusione caratteristiche statiche e dinamiche in una popolazione di pazienti con DTM e confrontato con i dati di letteratura per la popolazione generale. Metodo e materiali: Un totale di 625 pazienti con DTM consecutivi (il 75% di sesso femminile, di età compresa tra 34,2 ± 6,7 anni, range 25-44 anni) sono stati esaminati e sono stati raggruppati in quattro gruppi sulla base di assenza di dolore (ad esempio, lo spostamento del disco e / o artrosi senza dolore), o dolore presenza all’interno dei muscoli e / o l’articolazione temporo-mandibolare (ATM). Per quanto riguarda le caratteristiche occlusali, crociato posteriore, eccessivo overbite, open bite anteriore, eccessivo overjet, e molari e canini asimmetria sono stati registrati come risultati malocclusione statiche. Mediocredito / interferenze laterotrusive e lunghezza della guida dalla posizione di contatto retrusa (RCP) per la massima intercuspidazione sono stati registrati (MI) ≥ 2 millimetri risultati malocclusione dinamici. Il coefficiente di correlazione  valutare la forza della correlazione tra ogni funzione occlusale e la presenza di dolore legati condizione TMD. Risultati: Nessuna correlazione significativa è stata osservata tra i vari risultati di malocclusione e la presenza di qualsiasi condizione TMD collegata al dolore, con valori  che vanno da -0,081 a 0,043 per asimmetria molare e interferenze laterotrusive, rispettivamente. I risultati di prevalenza in questa popolazione TMD sono rimasti nel range riportato dagli studi sulla popolazione generale. Conclusioni: In soggetti adulti, i risultati di malocclusione statici o dinamici mostrano la prevalenza simile a prescindere dalla presenza di qualsiasi condizione specifica collegata al dolore TMD. Inoltre, i valori di prevalenza sono simili ai dati disponibili a livello generale della popolazione. Sulla base di quanto sopra, medici di medicina generale devono tenere presente che le caratteristiche occlusali non può essere considerato un fattore discriminante per TMD.

(leggi l’articolo malocclusione dentale statiche e dinamiche nei pazienti con disturbi temporo-mandibolari )

Il Trattamento Chirurgico delle OSAS trova indicazione quando: La terapia Conservativa non è accettata,  esistono alterazioni  anatomiche documentate, non si prevedono complicanze chirurgiche:

Osas – apnee notturne.

Immagine

image

La terapia dovrebbe essere rivolta alla:

1. riduzione del dolore
2. miglioramento della limitazione funzionale
3. rallentamento della progressione della malattia

La terapia conservativa è la più indicata nella terapia dei DTM. Questa può includere cambiamenti di abitudini, medicamenti orali per il dolore, iniezioni antinfiammatorie ed apparecchi intraorali rimovibili. La chirurgia è riservata a quei casi che non subiscono miglioramenti con la terapia conservativa.

Terapia problemi a masticare e Articolazione Temporo Mandibolare

ATM  non tradizionale 15-05-13- per sito

RISULTATI: diagnosi di disordine temporo mandibolare nel bruxismo
La distribuzione della diversa combinazione di asse RDC / TMD I diagnosi era significativamente differente nei pazienti con disturbi laterotrusive rispetto a quelli senza tali interferenze (chi-quadrato = 15 ° 209, p = 0 · 033), così come nei pazienti con vetrino da retrusa posizione di contatto (RCP) per la massima intercuspidazione (MI)> 2 mm rispetto a quelli senza tale slitta (chi-quadrato = 4 · 029, P = 0 · 012) e in quelli con o senza classe molare asimmetria (chi L`incontro = 17 · 438, P = 0 · 015). L’analisi di regressione multinomiale ha mostrato che il modello comprese le varie caratteristiche occlusali rappresentano il 20 · 4% della varianza per le diagnosi RDC / TMD (Nagelkerke R (2) = 0 · 204) e ha permesso il rifiuto dell’ipotesi nulla che avere tale occlusale specifico caratteristiche non fa differenza nel distinguere all’interno delle diagnosi RDC / TMD.
CONCLUSIONI:
Entro i limiti di questo studio, si può suggerire che in una popolazione di pazienti con TMD e clinicamente diagnosticata serramento di tipo bruxismo, i modelli di diagnosi TMD può essere influenzata, almeno in parte, dalla presenza di alcune caratteristiche del dentale occlusione, cioè, far scorrere RCP-MI, interferenze laterotrusive, e asimmetria molare.

estetica viso 2

La chirurgia dell’articolazione temporo mandibolare – atm è necessaria  quando le condizioni in cui si è verificato un danno strutturale ed irreversibile ma anche quelle forme in cui si siano create delle condizioni patologiche come aderenze e versamenti intrarticolari.

La Chirurgia ed estetica del viso in particolare  per i tumori cutanei deve tener conto di questi principi fondamentali:

– Rispettare le unità estetiche (frontale, perioculare, nasale, labiale, mentoniera e geniena)
– Suddivisione delle unità estetiche in sub-unità
– Giunzione tra unità estetiche, sede ideale per la cicatrice
– Incisione nelle RSTL

La finalizzazione esterica avviene con:

– ACIDO IALURONICO

estetica viso

– TOSSINA BOTULINICA

estetica viso 2

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.